Menu
La banda larga

La banda larga

Sono anni che in questo...

Civica in VIII una sfida della Sinistra

Civica in VIII una sfida della Sini…

La sfida della sinistra n...

Un impegno per fare, in condivisione.

Un impegno per fare, in condivision…

Comincia oggi un ciclo di...

I serbatoi di pensiero, o “Think Tank” sono molto di moda

I serbatoi di pensiero, o “Think Ta…

L’enorme potere dei “se...

Paulownia la pianta sconosciuta fonte di tante energie.

Paulownia la pianta sconosciuta fon…

Roma, storia di Alessan...

Omega 3, alimentazione e salute Psico-fisica

Omega 3, alimentazione e salute Psi…

Nuovo studio evidenzia ...

Applicazioni Tecniche Europee

Applicazioni Tecniche Europee

Circa 25 anni fa in organ...

CHIAMATA DIRETTA DEI PRESIDI

CHIAMATA DIRETTA DEI PRESIDI

Un poco di storia, due ca...

L'autonomia della scuola e la sua privatizzazione

L'autonomia della scuola e la sua p…

Nel corso della mia carri...

Prev Next
A+ A A-

La sfida delle tangenti e della corruzione. In evidenza

La sfida delle tangenti e della corruzione.

Inizia da oggi una attività di Aggregator che mi porterà a pubblicare gli articoli editi da intellettuali che a mio giudizio hanno una particolare rilevanza. Il primo che mi ha colpito molto è questo di Marco Travaglio sulle  rilevazioni del mal costume e la corruzione del politico Italiano. Molto morbida la sua analisi sull'operato del Premier Matteo Renzi che a priori viene visto come onesto ed arrivato da poco ma, si sà non si possono bacchettare tutti. comunque il paradosso culturale è che questo tipo di comportamenti sono ormai entrati nel DNA di tutte le categorie, non passa giorno che si vengono a sapere di fatti di corruzione che coinvolgono tutti gli aspetti del sistema paese. 


#mazzettastaiSerenissima (Marco Travaglio).

05/06/2014 di triskel182

 

Vauro

 

Se esistesse ancora un minimo di decenza, milioni di persone perbene – elettori, giornalisti, intellettuali, eventuali politici e imprenditori – dovrebbero leggersi l’ordinanza dei giudici di Venezia sul caso Mose e poi chiedere umilmente scusa a Beppe Grillo e ai suoi ragazzi. Anni e anni sprecati ad analizzare il suo linguaggio, a spaccare in quattro ogni sua battuta, a deplorare il suo populismo, autoritarismo, giustizialismo, a domandarsi se fosse di destra o di centro o di sinistra, a indignarsi per le sue parolacce, a scandalizzarsi per le sue espulsioni, ad argomentare sui boccoli di Casaleggio e sul colore del suo trench, a irridere le gaffes dei suoi parlamentari, a denunciare l’alleanza con l’improbabile Farage (l’abbiamo fatto anche noi, ed era giusto farlo, ma in un paese normale: dunque non in Italia). Intanto destra, sinistra e centro – quelli che parlano forbito e non hanno i boccoli – rubavano. Rubavano e rubano tutti, e insieme, sempre, regolarmente, scientificamente, indefessamente, su ogni grande e piccola opera, grande e piccolo evento, appalto, consulenza, incarico.

Anzi, ogni grande e piccola opera, grande e piccolo evento, appalto, consulenza, incarico servono soltanto a far girare soldi per poterli rubare. Tutti i più vieti luoghi comuni del qualunquismo bar – sono tutti d’accordo, è tutto un magnamagna – diventano esercizi di minimalismo davanti alla Cloaca Massima che si spalanca non appena si intercetta un telefono, si pedina un vip, si interroga un imprenditore. Basta sollevare un sasso a caso per veder fuggire sorci, pantegane, blatte e bacherozzi maleodoranti con i nostri soldi in bocca, o in pancia (il Mose doveva costare 2 miliardi, ne costerà 6 e ora sappiamo perché). La Grande Razzia che ha divorato l’Italia e continua a ingoiarsene le ultime spoglie superstiti è sopravvissuta a Mani Pulite, agli scandali degli ultimi vent’anni e alla crisi finanziaria, nutrendosi dell’impunità legalizzata, dell’illegalità sdoganata e dell’ipocrisia politichese di chi vorrebbe ancora convincerci che esistono i partiti, le idee, i valori della destra, del centro e della sinistra. 

 Invece esiste soltanto una gigantesca, trasversale, post-ideologica associazione per delinquere che si avventa famelica su ogni occasione per rubare, grassare e ingrassare a spese di quei pochi fessi che ancora si ostinano a pagare le tasse. A ogni scandalo ci raccontano la favola delle mele marce, la frottola della lotta alla corruzione, l’annuncio di regole più severe, la promessa del rinnovamento, della rottamazione. E intanto continuano a rubare, secondo un sistema oliato e collaudato di larghe intese del furto che precede e spiega le larghe intese di governo. E la totale mancanza di opposizione a sinistra negli anni del berlusconismo rampante e rubante. Anche l’art.27 della Costituzione, quello della presunzione di non colpevolezza, diventa una barzelletta se si leggono le carte delle indagini su Expo e sul Mose, dove i protagonisti delinquono in diretta telefonica, o a favore di telecamera: non c’è bisogno della Cassazione, e nemmeno della sentenza di primo grado, per capire che rubavano davvero. Politici, imprenditori, funzionari, generali della Finanza, giudici amministrativi e contabili. Il solito presepe di sempre, che avvera un’altra celebre battuta da bar: a certi livelli “non esistono innocenti, solo colpevoli non ancora presi”. Renzi non ruba, e i suoi fedelissimi sono lì da troppo poco tempo. Ma rischia di diventare il belletto per mascherare un partito marcio con cui – per prenderne il controllo – ha accettato troppi compromessi. Marcio nella testa prim’ancora che nelle tasche. Ieri, senz’aver letto un rigo dell’ordinanza, l’ineffabile Piero Fassino già giurava sulla leggendaria probità del sindaco Orsoni appena arrestato (“chi lo conosce non può dubitare della sua onestà e correttezza”), invitando i giudici ad appurarne al più presto l’innocenza per “consentirgli di tornare alla funzione di sindaco”. Perché, se ne appurassero la colpevolezza cosa cambierebbe? Fassino lo promuoverebbe a suo braccio destro, come ha fatto con Quagliotti pregiudicato per tangenti?

O il Pd gli restituirebbe la tessera, come ha fatto con Greganti pregiudicato per tangenti? La Cloaca Massima è così pervasiva che ogni strumento ordinario per combatterla diventa favoreggiamento. Ma davvero Renzi pensa di affrontarla con il povero Cantone e la sua “task force” di 25 (diconsi 25) collaboratori? O con qualche presunta riforma? A mali estremi, estremi rimedi: cancellare le grandi opere inutili ancora in fase embrionale, dal Tav Torino-Lione al Terzo Valico; cacciare ogni inquisito dai governi locali e nazionali; radiare dai contratti pubblici tutte le imprese coinvolte in storie di tangenti; introdurre gli agenti provocatori per saggiare la correttezza dei pubblici amministratori (come negli Usa); imporre a chi vuole concorrere ad appalti una dichiarazione in cui accettano di essere intercettati, a prescindere da ipotesi di reato (come fece Rudy Giuliani sindaco di New York); piantarla con le “svuotacarceri” (l’ultima è a pag. 7), costruire nuovi penitenziari e, nell’attesa, riattare caserme dismesse per ospitare i delinquenti che devono stare dentro; radere al suolo tutte le leggi contro la giustizia targate destra, centro e sinistra degli ultimi 20 anni. Tutto il resto non è inutile: è complice.

Da Il Fatto Quotidiano del 05/06/2014.

Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto

Altre News

Ambiente

Paulownia la pianta sconosciuta fonte di tante energie.

Paulownia la pianta sconosciuta fonte di tante ene…

28 Marzo, 2016 | Hits:451

Roma, storia di Alessandro e Fabrizio: i due trentenni che scommettono sulla p...

Ambiente

Omega 3, alimentazione e salute Psico-fisica

Omega 3, alimentazione e salute Psico-fisica

27 Marzo, 2016 | Hits:631

Nuovo studio evidenzia che l’integrazione di Omega-3 può contribuire al tratta...

World

Ristorazione ed Expo 2015

Ristorazione ed Expo 2015

20 Dicembre, 2014 | Hits:600

Cantone: “Voglio carte su affidamento senza gara a Eataly”. Farinetti: ‘Potrei m...

World

Partiamo da un ossimoro: l'Italia è un paese libero

Partiamo da un ossimoro: l'Italia è un paese liber…

04 Giugno, 2014 | Hits:805

Dopo aver celebrato la festa della Repubblica, mi sorge spontaneo il pensiero di...